Chess-Math, Scacchi ed Intelligenza Artificiale presso la Facoltà di Ingegneria di Palermo

seminario

L’ASD Chessmate Academy ha sempre posto al centro dell’attenzione la formazione e la divulgazione nelle scuole degli scacchi, considerati come strumento e opportunità di sviluppo di competenze a vario titolo, in particolare di ordine logico-matematico, e di pensiero divergente. All’interno di tale contesto, l’associazione è nata e si è sviluppata, con ampio consenso e impegno da parte di tutti: soci/amici, studenti, agonisti, professori, dirigenti scolastici, familiari e simpatizzanti.

Questa volta gli scacchi sono approdati all’Università, all’interno di un ciclo di seminari, validi per il riconoscimento di crediti formativi per gli studenti, tenuti presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, e ciò, se da un lato ha sicuramente contribuito alla diffusione degli scacchi, ha consentito alla nostra ASD di raggiungere indubbiamente una punta di eccellenza nel campo, in Italia.

Nello specifico, abbiamo presentato, giorno 14 Maggio, presso la facoltà di Ingegneria di Palermo, alcuni aspetti dell’interessante mondo degli scacchi, ovvero il legame che esiste tra gli scacchi e la matematica e gli sviluppi dell’intelligenza artificiale applicata al mondo degli scacchi. Considerati il gioco intellettuale per eccellenza, gli scacchi sono un vero e proprio sistema formale. Parecchi e significativi legami esistono tra gli Scacchi e la Matematica. Infatti, diversi sono campioni mondiali di scacchi che hanno apportato un grosso contributo alla ricerca scientifica in alcuni settori della matematica e dell’informatica (come Steinitz, Lasker, Euwe, Botvinnik) e non sono pochi gli illustri matematici affascinati dai problemi relativi agli scacchi. Numerosi problemi legati alla scacchiera sono stati risolti utilizzando elementi di teoria dei grafi, topologia, teoria dei numeri, aritmetica, analisi combinatoria, geometria…Si è evidenziato principalmente il contributo scientifico: di un matematico che dimostrò l’esistenza di una strategia nel gioco degli scacchi: Ernst Zermelo; di uno scacchista che dimostrò il teorema fondamentale dell’Algebra Commutativa: Lasker. Il termine intelligenza artificiale sta ad indicare quella branca della scienza che si occupa dello studio dei problemi decisionali e della loro soluzione attraverso il calcolatore, che è quindi capace di operare autonomamente delle scelte. Gli scacchi rappresentano un campo di studi privilegiato per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, infatti è caratterizzato da regole semplici, ma con uno spazio di stati esponenziale con decisioni ottimali da prendere al fine di raggiungere l’obiettivo ed inoltre possiede un sistema oggettivo di valutazione della forza del gioco (Elo rating system). Nacquero così attorno al 1950 i primi programmi in grado di giocare a scacchi. Nel trentennio successivo, soprattutto grazie all’introduzione del microprocessore e ai miglioramenti delle tecniche di progettazione di hardware specializzato, questi programmi si sono avvicinati al livello dei campioni (Grand Master) e nel 1997 l’allora campione del mondo Garry Kasparov venne sconfitto in una famosa partita dal supercomputer dell’IBM, chiamato Deep Blue, fino agli attuali software implementati per qualunque piattaforma e S.O. (Chessbase, Aquarium ecc.) ed i relativi motori di analisi (Stockfish, Houdini, Fritz ecc). Si è parlato dell’evoluzione dei giocatori artificiali, delle evoluzioni delle tecnologie, dei programmi di gestione dei mega-database delle partite di scacchi , dei libri di apertura e tablebase dei finali, algoritmi di ricerca su alberi di gioco, funzione di valutazione, valutazione delle prestazioni e dello stato dell’arte con AlphaZero che utilizza le reti neurali con un algoritmo (MCTS) di addestrato per rinforzo; sono stati presentati , inoltre, anche i risultati ottenuti con le sperimentazioni (benckmark AlphaZero vs Stockfisk) effettuate nel Dicembre del 2017 da DeepMind (Google).

Per avere la presentazione sull’argomento in oggetto o altre informazioni\approfondimenti inerenti, inviare la richiesta ed il proprio riferimento e-mail  all’indirizzo: chessmatebagheria@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti